Il Sonno dopo i 40 anni.

Dopo i 40 anni, non è raro che la qualità del nostro sonno subisca un piccolo colpo, questo è dovuto al cambiamento del nostro corpo e all'aumento dei livelli di stress.
Spesso si dice che invecchiando abbiamo bisogno di dormire di meno, ma in realtà non è così... abbiamo bisogno di tanto sonno di quanto ne avevamo a 20 anni, quindi è molto importante fare di tutto per migliorarne la qualità.
Ci sono molti fattori che possono influire negativamente sulla nostra capacità di dormire bene la notte, andiamo a vedere quali:
-mancanza di esercizio fisico: la sedentarietà, la scarsa ossigenazione possono incidere molto sulla qualità del sonno. Iniziare con 30 min di attività fisica al giorno può essere un buon inizio.
-consumare troppa caffeina: iniziare a diminuire il consumo di sostanze "eccitanti" compreso il the e la coca-cola (per chi la beve), limitarne il consumo entro le h 14 o massimo alle h 15 del pomeriggio può dare grandi risultati.
-mangiare zucchero la sera: il classico dolcetto dopo mangiato, la pallina di gelato o il biscottino... sono confortanti mentre li si consuma ma poi si rischia di svegliarsi alle h 3 di notte per il picco glicemico che provocano attaccando il fegato, che invece in quelle ore è al massimo del suo livello energetico e ha bisogno che il corpo sia a riposo, meglio se nella fase Rem per fare bene il suo lavoro.
-bere alcool la sera: è lo stesso concetto dello zucchero, un bicchiere di vino può rilassare e favorire il sonno, ma poi il livello di zucchero nel sangue rende più probabile il risveglio.
-mangiare leggero la sera: è un buon trucco per favorire il riposo. Evitare cibi pesanti, troppo complicati e poco digeribili. Sarebbe l'ideale mangiare molto presto entro le h 1930, con una sorta di merenda salata, per poi non ingerire più cibo fino al mattino dopo e applicare le regole basi del famoso digiuno intermittente - qui trovi le informazioni al riguardo: https://manipurastudio.info/articoli/sonia-cabiaglia-milano/64-digiuno-intermittente
Il cereale integrale ha un effetto calmante e rilassante, può essere una buona abitudine consumarlo la sera, sempre in piccole quantità, per favorire il riposo.
-le vampate in perimenopausa e menopausa: possono essere molto fastidiose, per la sudorazione, l'aumento della tachicardia, diventa necessario un riequilibrio ormonale e un abbassamento dell'infiammazione generale del corpo per attenuare questo fenomeno.
-Apnee notturne: è uno dei disturbi più frequenti, in prevalenza per gli uomini, ma anche molte donne ne possono soffrire. Non sono da sottovalutare in quanto pericolose, nel lungo andare possono portare a problemi circolatori seri.
-Stress e preoccupazione: rendono difficile il riposo a tutte le età. Ci si può aiutare con i fitoterapici e con i rimedi vibrazionali, per poi andare a lavorare sulla causa primaria che li ha scatenati.
Tra i rimedi fitoterapici che più spesso si usano per favorire il riposo troviamo l'Escolzia, il Tiglio, la Melissa e la Passiflora, molto spesso sono efficaci anche dei composti. A me piace consigliare anche l'Ashwaganda, la Whitania Sonnifera come preparato ayurvedico quando c'è anche una componente di stress molto elevata o fare delle miscele personalizzate con i fiori di bach, per lavorare direttamente sulla situazione contingente. Senza dimenticare la classica Melatonina che per alcuni ha un buon effetto e il Magnesio, molto efficace per chi ne è carente, essendo spasmolitico aiuta a rilassare i muscoli, anche in caso di ansia da stress.
In più può essere utile avere una sorta di routine notturna da mettere in atto prima di andare a letto: iniziando ad abbassare le luci, spegnere i dispositivi elettronici un'ora prima di coricarsi, compreso il wifi. Fare un bagno caldo magari con oli essenziali come la lavanda o la camomilla romana, per favorire il rilassamento. Bere una tisana calda, con le piante che ho indicato sopra. Mettere qualche goccia di olio essenziale direttamente su cuscino, come si fa con i bambini per conciliare il sonno. Fare una pulizia energetica della stanza per alleggerirla da campi magnetici o interferenze energetiche, magari con il sale, la salvia e con un pò di space cleaning.
Per fare un punto della situazione sulla qualità del tuo sonno puoi fare questo Quiz:
QUIZ SUL SONNO
  • Hai difficoltà ad addormentarti di notte?
  • Trovi difficile rimanere addormentato?
  • Dormi meno di sette ore per notte?
  • Hai bisogno del rumore per addormentarti (televisione, radio, rumore "bianco")?
  • Hai bisogno del silenzio assoluto per addormentarti / dormire?
  • Ti svegli facilmente (cioè sei sensibile al rumore)?
  • Ti svegli spesso alla stessa ora durante la notte?
  • Ti svegli sentendoti stanco?
  • Ti affidi a una sveglia per svegliarti?
  • Ti affidi a farmaci (OTC o RX) per dormire meglio la notte?
  • Consumate più di tre bevande contenenti caffeina al giorno?
  • Consuma caffeina dopo le 14:00 (include cioccolato, tè freddo, cioccolata calda, bevande decaffeinate, ecc.)?
  • Bevi più di due bevande alcoliche la sera?
  • Trovi più facile addormentarti dopo aver bevuto bevande alcoliche?
  • Trovi di non rimanere addormentato dopo aver bevuto bevande alcoliche?
Se rispondi "sì" a tre o più delle domande precedenti, i tuoi problemi di sonno potrebbero essere un fattore significativo per la tua incapacità di sentirti al meglio. 
per info: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Print   Email