Mal di testa - un punto di vista della medicina cinese

Il Mal di Testa: un argomento vasto e complicato che accomuna molte persone, per tutte le fasce di età, con caratteristiche diverse e spesso di difficile soluzione. Cerchiamo di addentrarci con l'intento di portarvi a una visione diversa, legata alla medicina cinese, che prende in considerazione molti aspetti, cercando di considerare questa manifestazione da un punto di vista olistico. Prima di tutto il consiglio in generale è di considerare il mal di testa come un sintomo, come una spia del nostro organismo, che parla di qualcosa che c'è all'origine, con le cause più svariate, dalla psicosomatica, alla postura, alla gestione delle emozioni, all'ansia, alla digestione, al ciclo mestruale e via dicendo.
Partiamo dall'inizio: la testa in medicina cinese è considerata il "palazzo dello Yang", cioè il luogo dove arrivano tutti i meridiani Yang, mentre l'addome e il torace sono il massimo dello Yin. Il Cervello è considerato il "mare del midollo" che, come le ossa, conserva il Jing. Il Jing è quel bagaglio di informazioni acquisito dai genitori, nel senso di eredità genetica - come diremmo in occidente e anche l'insieme dell'energia vitale con la quale ci manifestiamo come essere viventi. Il Cervello è anche connesso con lo Shen, che è nello stesso tempo lo spirito, ma anche la capacità di connettere, discernere e ragionare ed è collegato emozionalmente al cuore. Quindi quando parliamo di testa entriamo in un discorso più complesso che ha a che fare con la funzione cognitiva, ma anche emozionale e fisiologica.
Ora senza voler fare una vera e propria lezione, mi piace raccontare che in medicina cinese, per individuare i vari tipi di mal di testa, si considerano i meridiani che passano nella zona colpita dal dolore/fastidio. In generale si parla di 4 zone principali del capo colpita da cefalea:
  • la fronte - Yang Ming, collegata ai meridiani di Stomaco e Intestino Crasso.
  • il centro del capo - Jue Yin, dove è situato il punto di VG 20,  dove passano collegata a Fegato e Pericardio.
  • la zona delle tempie - Shao Yang, Vescica Biliare e Triplice Riscaldatore.
  • la zona della nuca - Tai Yang, in cui passano Intestino Tenue e Vescica, disturbo molto comune, della classica cervicalgia che prende anche le spalle, le scapole e via dicendo...
In base a questa collocazione si pensa poi a un trattamento con il Tuina, andando ad individuare quale può essere la vera causa che scatena il sintomo. Questa secondo me è la parte più interessante: invece di ragionare nel modo classico, ho dolore prendo un "moment"... si va a capire da cosa questo mal di testa è suscitato.
Oltre alla collocazione fisica del dolore che ci riporta alla corrispondenza del meridiano e dell'organo o viscere connesso, si va anche a ragionare se si tratta di mal di testa da pieno o da vuoto. Da pienezza si intende da accumulo, quando c'è qualcosa che ostruisce i canali, di solito ha a che fare più con i meridiani dell'apparato digerente quali Stomaco, Vescica, Fegato e Vescica Biliare, legati a congestione o iper attività di questi organi. Di questi fanno parte anche i mal di testa all'inizio del ciclo, classici della sindrome premestruale, che poi spariscono una volta che il ciclo arriva e che sono un'indicazione di pienezza o umidità, legata al Fegato o alla Vescica Biliare... Oppure si parla di pienezza anche quando nascono dall'ansia e dallo stress acuto o prolungato che nello stesso modo portano un accumulo o un blocco nello stomaco o nel fegato in generale, portando una salita improvvisa dell'energia verso l'alto... definite anche salita dello Yang oppure fuga dello Shen in caso di emozioni forti che poi rimangono come pensieri circolari e preoccupazioni che scaricano nello stesso tempo l'energia. Da vuoto invece è quando mancano le sostanze preziose che sono insufficienti come l'energia e il sangue per esempio i classici mal di testa a fine ciclo mestruale, quando c'è una debolezza e la perdita di una sostanza preziosa come il sangue porta un vuoto che si manifesta con il dolore del capo.
In generale in fitoterapia, esistono delle piante molto valide per il mal di testa, prima di tutte il Partenio, che si può usare in gocce o in composti o estratti sinergici super validi, un'altra pianta classica è la Peonia che oltre a regalarci dei fiori meravigliosi si usa proprio classicamente in medicina cinese per il mal di testa e per tutte le problematiche delle sindromi premestruali.
Le vitamine del complesso B sono spesso utilizzate nella prevenzione dei mal di testa in generale e in particolare, la B3 detta anche Niacina, può essere utilizzata con buoni risultati.
Anche il Magnesio riesce ad avere effetti soddisfacenti soprattutto in persone che ne sono carenti come oligoelemento.
Come sempre non si può generalizzare ed è importante per ogni persona ragionare nel quadro complesso andando a verificare bene le cause, prendendo l'occasione per depurare intestino, fegato e organi emuntori in generale, unico modo per riportare il giusto equilibrio di un organismo spesso sovraccaricato, stressato che non sta funzionando secondo il suo sentire.
per info: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Thanks to @unsplash for the image.

Print   Email